Gestione Spazio Neutro

È un contenitore fisico denominato Spazio Neutro, all’interno del quale l’obiettivo è facilitare l’incontro genitore/i – figlio/i nelle situazioni di disagio. È un luogo terzo, uno spazio e un tempo intermedi, lontani dal quotidiano. I principi teorici su cui si fonda lo Spazio Neutro fanno riferimento all’importanza fondamentale di mantenere il legame parentale e all’imprescindibile centralità del bambino che risulta essere l’attore più fragile all’interno del nucleo familiare.

Sinteticamente, lo Spazio Neutro può rispondere ai seguenti obiettivi:

  • garantire il bisogno/diritto del bambino di veder salvaguardata il più possibile la relazione con entrambi i genitori ed i parenti, riconoscendo e tutelando i legami che ne derivano
  • aiutare il bambino a vivere gli incontri nella maniera più serena possibile, sostenendo la sua capacità di tollerare e rielaborare l’esperienza
  • osservare e facilitare la relazione del/dei genitore/i con il figlio, al fine di verificare l’adeguatezza o l’incompetenza nelle cure, da quelle basilari di risposta ai bisogni primari a quelle basate sullo scambio affettivo, nella prospettiva di prevedere il ricongiungimento o la convivenza familiare
  • mantenere o ristabilire la relazione con il genitore non affidatario, con quello lontano o allontanato, per il quale è stato disposto l’accertamento delle capacità genitoriali
  • sostenere la progressiva capacità del genitore di organizzare e gestire in modo autonomo gli incontri
  • In relazione a situazioni particolarmente complesse possono essere previste maggiori misure di protezione

L’intervento viene concordato con il servizio Sociale Comunale e la Tutela Minorile secondo i tempi e le necessità definite all’interno del Progetto educativo. Può essere svolto durante la settimana oppure nei fine settimana, all’interno degli Spazi Neutri identificati dal Comune di appartenenza. Gli spazi sono strutturati con criteri di accessibilità che favoriscono la gestione degli incontri. In alcuni casi, le stanze sono provviste di specchio unidirezionale per permettere al personale specialistico di osservare dall’esterno le dinamiche di relazione del nucleo.

L’attivazione dell’intervento di Spazio Neutro rientra nella progettualità complessiva del Servizio Sociale e del Servizio di Tutela Minorile sulla base di una valutazione professionale specifica e in esecuzione di un mandato del Tribunale per i Minorenni.


Potresti dare un occhio anche a:

ADH Assistenza Domiciliare Handicap
ADH Assistenza Domiciliare Handicap

L’intervento educativo domiciliare per persone con disabilità è un intervento di promozione e sostegno all’autonomia personale e all’inserimento sociale. Obiettivi dell’intervento sono: garantire un percorso educativo individualizzato condiviso con la famiglia. Un educatore/educatrice affianca temporaneamente il soggetto al quale vengono proposte attività sia all’interno della propria abitazione sia nei luoghi ricreativi ed educativi presenti sul […]

Misura B2
Misura B2

Servizio Misura B2 a favore delle persone con disabilità grave e anziani non autosufficienti previste dal Fondo non Autosufficienza: si tratta di Voucher finalizzati al sostegno delle relazioni e delle autonomie personali di minori con disabilità. Gli interventi sono finalizzati a sostenere la vita di relazione di minori con disabilità attraverso progetti di natura educativa/socializzante che […]

Pacchetti d’offerta (interventi socio-educativi)
Pacchetti d’offerta (interventi socio-educativi)

I servizi proposti sono interventi individuali o di gruppo che rispondono a specifici bisogni delle famiglie, in situazioni dove si rendono necessarie attività di sostegno e sollievo. Gli interventi possono riguardare diversi ambiti, dai più pratici (accompagnamento a scuola, supporto in fasce particolari della giornata, …) a quelli socio-educativi (laboratori, …), fino a quelli ricreativi […]